Senza categoria

Diffamazione on line – competenza per territorio Cass. Sez. V n. 31677\15

Reati commessi a mezzo della rete Internet.

La V Sez. della cassazione enuncia  il seguente principio di diritto in materia di competenza per territorio nel caso in cui vengano commessi reati di diffamazione on line:

“Nei reati di diffamazione commessi a mezzo della rete Internet, ove sia impossibile individuare il luogo di consumazione del reato e sia invece possibile individuare il luogo in remoto in cui il contenuto diffamatorio è stato caricato, tale criterio di collegamento, in quanto prioritario rispetto a quello di cui al comma II dell’articolo 9 cod. proc. pen., deve prevalere su quest’ultimo, cosicché la competenza risulta individuabile con riferimento al luogo fisico dove viene effettuato l’accesso alla rete per il caricamento dei dati sul server”.

Cass. Sez. V n. 31677\15

Posted by Avv. Marco Salerno  |  Commenti disabilitati su Diffamazione on line – competenza per territorio Cass. Sez. V n. 31677\15  |  in Giurisprudenza di Legittimità, News, Senza categoria

Sent. n. 85 del 10 giugno 2014 CNF sui limiti del diritto di difesa

Il diritto di difesa, certamente ampio e rigoroso in ordine al dovere di critica, anche severa, alla decisione giudiziale in occasione della proposizione dell’atto di impugnazione, che implica la necessità di porre in evidenza ogni carenza motivazionale, non deve comportare, però, offese e insinuazioni di fatti penalmente rilevanti sul giudice e la controparte.

Tale principio è stato affermato nella  sen­ten­za del Con­si­glio Na­zio­na­le Fo­ren­se, da­ta­ta 10 giu­gno 2014, n. 85, da cui può trarsi la seguente massima : Nel­l’am­bi­to della pro­pria at­ti­vi­tà di­fen­si­va, l’av­vo­ca­to deve e può espor­re le ra­gio­ni del pro­prio as­si­sti­to con ogni ri­go­re uti­liz­zan­do tutti gli stru­men­ti pro­ces­sua­li di cui di­spo­ne e ciò mas­si­ma­men­te nella fase del­l’im­pu­gna­zio­ne, atto di­ret­to a cri­ti­ca­re anche se­ve­ra­men­te una pre­ce­den­te de­ci­sio­ne giu­di­zia­le e ciò rap­pre­sen­tan­do con la mag­gio­re ef­fi­ca­cia pos­si­bi­le la ca­ren­za di mo­ti­va­zio­ne del prov­ve­di­men­to im­pu­gna­to. Tut­ta­via, il di­rit­to della di­fe­sa in­con­tra un li­mi­te in­su­pe­ra­bi­le nella ci­vi­le con­vi­ven­za, nel di­rit­to della con­tro­par­te o del giu­di­ce a non ve­der­si of­fe­so o in­giu­ria­to: sog­get­ti nei con­fron­ti dei quali non de­vo­no es­se­re uti­liz­za­te espres­sio­ni di­ret­te con­sa­pe­vol­men­te ad in­si­nua­re la esi­sten­za di con­dot­te il­le­ci­te o la vio­la­zio­ne del fon­da­men­ta­le do­ve­re di im­par­zia­li­tà, do­ven­do­si man­te­ne­re con il giu­di­ce un rap­por­to im­pron­ta­to a di­gni­tà e de­co­ro sia con ri­fe­ri­men­to alla per­so­na del giu­di­can­te che al suo ope­ra­to e alla fun­zio­ne eser­ci­ta­ta; l’e­ser­ci­zio del di­rit­to di cri­ti­ca non deve mai tra­va­li­ca­re in una cen­su­ra­bi­le de­plo­ra­zio­ne del­l’o­pe­ra­to del di­fen­so­re, delle con­tro­par­ti e del giu­di­can­te.

massima a cura dell’avv. Marco Salerno

Sent CNF 2014-85

Posted by Avv. Marco Salerno  |  Commenti disabilitati su Sent. n. 85 del 10 giugno 2014 CNF sui limiti del diritto di difesa  |  in Area Commenti, Giurisprudenza Territoriale, News, Senza categoria, servizi
  • Seguici su

ISPEN - Istituto Ricerca Giuridica

C.so Marconi 55

84013 Cava de' Tirreni (SA)

P.Iva 04439910656

Copyright © 2014 - 2021 Ispen.it - Istituto Ricerca Giuridica - Tutti i diritti riservati

Realizzato da Scfgroup.it Seo e Posizionamento: Webfantasy.it